Maqui, il nuovo frutto antiossidante  per la salute della nostra pelle

Maqui
Bacche di Maqui

I frutti antiossidanti sono davvero tanti, ma la pianta di Maqui è poco conosciuta ma le sue proprietà sono davvero molteplici, conosciamo allora le sue proprietà.

La frutta è un ottimo alimento presente in tutte le diete alimentari. Essa è ricca di proprietà importanti che aiuta il corpo ad assimilare gli zuccheri buoni rispetto a quelli cattivi, ed inoltre i suoi benefici sono davvero tanti.

La frutta in generale ha sempre dei benefici sul nostro corpo, ma tra i frutti che conosciamo esiste uno davvero particolare, ovvero le bacche di Maqui, piccoli frutti simili ai mirtilli ricchi di agenti antiossidanti.

Queste bacche sono un alimento prezioso per la nostra salute, infatti considerate elisir di lunga vita proprio per la presenza elevata di antiossidanti. La pianta di Maqui, oltre ad essere un ottimo antiossidante, e anche ricco di antocianine, flavonoidi, ma anche di vitamina B ed E , infatti sono considerate simili alle bacche di Goji.

Il suo funzionamento sul corpo non è ancora ben noto, infatti non si conoscono perfettamente i suoi benefici, quello che è sicuro e che le bacche di Maqui hanno la capacità di stimolare notevolmente l’enzima della vita, aumentando il metabolismo, e stimolando l’energia, rallentando in contemporanea il processo naturale di invecchiamento.

Questo prezioso frutto infatti è un ottimo rimedio per contrastare il deteriorarsi della pelle di tutto il corpo, contrastando esteriormente la comparsa delle rughe e di macchie scure. Per quanto riguarda invece i benefici interni al corpo, le bacche di Maqui hanno la capacità di controllare i livelli di colesterolo contrastando anche malattie cardiovascolari.

Anche i malanni stagionali vengono debellati grazie alle sua proprietà infatti, combatte le infiammazioni dell’apparato respiratorio, inoltre sono ottime per chi segue diete dimagranti poiché hanno la capacità di consumare e bruciare i grassi molto più velocemente rispetto alla frutta tradizionale.

Facebook Comments